Scontrino elettronico 2020

A partire dal 1° gennaio 2020 le ricevute fiscali e gli attuali registratori fiscali non potranno più essere utilizzate.
Il classico scontrino di carta e le ricevute fiscali spariranno e saranno sostituiti dalla trasmissione elettronica dei corrispettivi giornalieri.
Gli esercenti avranno 12 giorni per inviare i corrispettivi (resta fermo l’obbligo di memorizzarli ogni giorno).
Scontrino elettronico, cosa cambia per i commercianti e per gli artigiani
Gli artigiani e commercianti non faranno più la ricevuta fiscale o lo scontrino cartaceo quando un loro cliente comprerà e pagherà qualche prodotto messo in vendita da loro. Il nuovo adempimento infatti consentirà di non avere più l’obbligo di emissione dello scontrino e ricevuta fiscale.
Scontrino elettronico, cosa cambia per i clienti
Il cliente riceverà non più uno scontrino ma un documento commerciale non valido a fini fiscali. Potrà riceverlo cartaceo oppure via mail e questo potrà essere usato per resi e garanzie.
Bonus fiscale per registratori di cassa telematici
Un provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate prevede un bonus del 50% (credito di imposta) sull’acquisto di un registratore telematico o per l’adattamento di uno già installato, fino al massimo di 250 euro o 50 euro rispettivamente. Il tutto solo per pagamenti fatti in modalità tracciabile. Il bonus è valido per le spese sostenute nel 2019 e nel 2020 ed è utilizzabile tramite modello F24.
Procedura web in alternativa al registratore telematico
All’interno dell’area riservata del portale Fatture e Corrispettivi è disponibile, gratuitamente, la procedura web che consente la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati relativi ai corrispettivi giornalieri incassati per ogni operazione effettuata, nonché la possibilità di predisporre il documento commerciale da rilasciare al cliente.

Vedi tutte le news
Privacy Policy