Abrogazione del lavoro accessorio

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n.64 del 17-3-2017, è entrato in vigore il decreto legge n.25 abrogativo delle disposizioni in materia di lavoro accessorio (c.d. voucher). Sebbene tale disciplina sia stata abrogata, permane fino a data 31 dicembre 2017 la possibilità di utilizzare i buoni voucher richiesti entro il 17 marzo 2017.

Il decreto legge n. 25 non introduce alcuna disciplina sostitutiva del lavoro accessorio, né dispone esplicitamente l’applicazione per i contratti in corso della disciplina appena abrogata. Queste lacune recano incertezza all’inquadramento normativo dei rapporti di lavoro accessorio e quindi alla gestione delle controversie legate ai voucher ancora in essere prima del loro spirare naturale.

Si attende dunque a breve in quanto necessario un ulteriore intervento legislativo in materia, stante anche il vuoto normativo che attualmente è venuto a crearsi, circa la comunicazione preventiva precedente di sessanta minuti l’inizio della prestazione, a rigor di interpretazione abrogata assieme alla relativa sanzione per il suo mancato espletamento.

Detto altrimenti, urge la definizione di un regime transitorio di vigenza delle norme abrogate circa il lavoro accessorio, che prenda il posto della attuale formulazione, troppo carente, della proroga al 31 dicembre 2017. In prospettiva il legislatore dovrebbe inoltre proporre uno strumento che possa supplire al ruolo attualmente svolto dal voucher, che, in sua mancanza, potrebbe adesso trovare affinità solo nel lavoro a chiamata.

Vedi tutte le news
Privacy Policy