Tfr in busta paga – Finanziamento assistito da garanzia

Ai datori di lavoro che abbiano alle proprie dipendenze fino a 49 dipendenti è riconosciuta la facoltà di accedere ad una speciale forma di finanziamento per far fronte alla liquidazione mensile della Qu.I.R. ai lavoratori dipendenti che ne abbiano fatto richiesta.

Per accedere al finanziamento, i datori di lavoro devono presentare all’intermediario (banca o intermediario finanziario) una certificazione dei requisiti aziendali rilasciata dall’INPS richiedendola tramite UNIEMENS. L’istituto deve rilasciarla entro 30 giorni dalla richiesta.

Con la suddetta certificazione si stipulerà il contratto di finanziamento che dovrà avvenire secondo i criteri e le condizioni che saranno fissati da apposito Accordo quadro tra Ministero del Lavoro, Ministero dell’Economia e ABI, ad oggi in fase di stesura.

E’ comunque previsto che:

  • Il datore di lavoro dovrà rivolgersi ad un unico intermediario anche nel caso in cui il finanziamento sia esteso per effetto di successive richieste di liquidazione della Qu.I.R.;
  • Ai finanziamenti non possono essere applicati tassi superiori al tasso di rivalutazione del TFR per tempo vigente.

Firmato il contratto tra datore di lavoro e intermediario quest’ultimo comunica all’INPS l’avvenuta concessione del finanziamento la cui misura non può eccedere l’importo della Qu.I.R. certificato dall’INPS mensilmente.

L’istituto renderà disponibile, ogni mese, entro 60 giorni decorrenti dal primo giorno del mese successivo a quello di competenza, sia al datore di lavoro che all’intermediario, l’importo della Qu.I.R. da finanziare.

FINANZIAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA

L’INPS ha istituito il Fondo di garanzia per l’accesso al finanziamento. Tale Fondo è alimentato da una dotazione iniziale da parte dello Stato di 100 milioni di euro, nonché dal pagamento di un contributo mensile, a carico del datore di lavoro che ricorrono al finanziamento, pari allo 0.20% dell’imponibile previdenziale dei lavoratori che hanno fatto richiesta della liquidazione mensile della Qu.I.R..

ESONERO E MISURE COMPENSATIVE

Per i datori di lavoro che liquidano mensilmente la Qu.I.R. si applica l’esonero dal versamento del contributo al Fondo di Garanzia per il TFR (0,20 % per la generalità dei dipendenti) nella stessa percentuale di TFR maturando liquidato mensilmente.

Inoltre, per i datori di lavoro che liquidano mensilmente la Qu.I.R. e che non ricorrono al finanziamento ma utilizzano risorse proprie, si applicano le seguenti misure compensative:

  • Deducibilità dal reddito di impresa dal 4% (più di 49 dipendenti) o dal 6% (meno di 49 dipendenti);
  • Esonero (pari attualmente allo 0,28%) dal versamento dei contributi sociali dovuti alla gestione delle prestazioni temporanee (ANF, maternità, disoccupazione).

 

 

Vedi tutte le news
Privacy Policy