Legge di stabilità 2015

È stata pubblicata sul S.O. n. 99 alla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29.12.2014 la “Legge di Stabilità 2015”.
In seguito ne elenchiamo i punti di maggior interesse per i datori di lavoro/sostituti d’imposta.

STABILIZZAZIONE BONUS 80 EURO

È stato reso strutturale il bonus 80 euro adeguandone l’importo su base annua (dai 640,00 euro annui si passa ai 960,00 euro).

Il bonus continuerà ad essere erogato nello stesso modo e con gli stessi limiti del 2014:

  • Reddito complessivo non superiore a 26.000,00 euro;
  • IRPEF positiva sul reddito da lavoro una volta scomputate le sole detrazioni di lavoro dipendente.

REDDITO ANNUO COMPLESSIVO
8.000,00 < RR <= 24.000,00  Bonus potenzialmente spettante € 960,00
24.000,00 < RR <= 26.000,00 Bonus potenzialmente spettante € 960,00 x ((26.000,00-RR)/2.000,00)

Viene inoltre confermato che il bonus va erogato direttamente dal sostituto d’imposta al verificarsi delle condizioni richieste. Il relativo recupero avviene nel modello F24 mediante compensazione orizzontale (codice tributo 1655).

AUMENTO DELLA SOGLIA DI ESENZIONE BUONI PASTO ELETTRONICI

Da decorrenza del 1° luglio 2015 verrà aumentata la soglia di esenzione da euro 5,29 a euro 7,00 in relazione ai buoni pasto in formato elettronico. Per quelli cartacei, invece, rimane confermata la soglia di esenzione a euro 5,29 euro.

DEDUZIONE IRAP DEL COSTO DEL LAVORO

A decorrere dal periodo d’imposta 2015 ci sarà la deduzione integrale del costo del lavoro a tempo indeterminato dal valore della produzione IRAP.
Il comma 20, infatti, riconosce l’ulteriore deduzione della differenza tra il costo complessivo per il personale dipendente con contratto a tempo indeterminato e le deduzioni già previste.

TFR IN BUSTA PAGA

È stata introdotta in via sperimentale dal 1° marzo 2015 al 30 giugno 2018 la possibilità, per il lavoratore dipendente che abbia un rapporto in essere da almeno 6 mesi presso il medesimo datore di lavoro, di richiedere la liquidazione mensile del TFR.
Il lavoratore che intende avvalersi di questa possibilità dovrà comunicarlo entro i termini che saranno stabiliti con specifico DPCM che illustrerà anche le modalità.
La quota maturata di TFR liquidata mensilmente al lavoratore costituisce parte integrante della retribuzione: è assoggettata a tassazione ordinaria mentre non costituisce imponibile previdenziale.
Sono esclusi dalla possibilità di richiedere la liquidazione mensile del TFR i dipendenti domestici e del settore agricolo.

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO

Al fine di promuovere una stabile occupazione, la legge di stabilità 2015 introduce un esonero
contributivo per le assunzioni con contratto a tempo indeterminato effettuate nel 2015.

DATORI DI LAVORO
L’esonero spetta per tutti i datori di lavoro del settore privato.
Spetta inoltre per i datori di lavoro del settore agricolo, con esclusione dei lavoratori che nell’anno 2014 siano stati occupati a tempo indeterminato e relativamente ai lavoratori occupati a tempo determinato che risultino iscritti negli elenchi nominativi per un numero di giornate di lavoro non inferiore a 250 con riferimento all’anno solare 2014.

ESCLUSIONI:
L’esonero non spetta:
– Per assunzioni con contratto di apprendistato;
– Per assunzioni di personale domestico;
– Per lavoratori che nei 6 mesi precedenti all’assunzione siano risultati occupati a tempo indeterminato presso qualsiasi datore di lavoro;
– Per lavoratori che hanno già usufruito del beneficio;
– Per lavoratori che nei 3 mesi antecedenti al 1° gennaio 2015 hanno già in essere con il datore di lavoro un contratto a tempo indeterminato. A tal fine, vanno considerate le società controllate o collegate ai sensi dell’articolo 2359 del codice civile o facenti capo, anche per interposta persona, allo stesso soggetto.

DURATA DEL BENEFICIO
L’esonero contributivo spetta per un periodo massimo di 36 mesi.

MISURA DELL’AGEVOLAZIONE
Esonero dal versamento dei complessivi contributi previdenziali a carico del datore di lavoro fino ad un massimo di 8.060,00 euro annui.
L’esonero non si applica ai premi e contributi all’INAIL.
Le modalità operative saranno rese note dall’INPS con apposita circolare.

BONUS BEBE’

La legge di Stabilità prevede l’erogazione di un assegno mensile per ogni figlio nato o adottato nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2015 ed il 31 dicembre 2017 pari a 960 euro annui (raddoppiato qualora il reddito ISEE del nucleo familiare non superi i 7.000,00 euro annui).
È erogato ai genitori cittadini italiani o di uno Stato membro dell’Unione Europea o cittadini extracomunitari con permesso di soggiorno residenti in Italia che abbiano in reddito ISEE non superiore a 25.000,00 euro annui.
È erogato mensilmente a decorrere dal mese di nascita/adozione fino al 3° compleanno/3° anno di ingresso.
L’assegno è corrisposto dall’INPS, previa presentazione di apposita domanda.

BONUS PER FAMIGLIE NUMEROSE

La legge di Stabilità prevede l’erogazione di buoni per l’acquisto di beni e servizi a favore di nuclei familiari con almeno 4 figli minori e che presentano un reddito ISEE non superiore a 8.500,00 euro annui.

IMPOSTA SOSTITUTIVA SU RIVALUTAZIONE DEL TFR

La legge di Stabilità dispone l’aumento dall’11% al 17% dell’aliquota dell’imposta sostitutiva sulle rivalutazioni del TFR da versare in acconto a novembre e a saldo a febbraio.

 

 

 

 

Vedi tutte le news
Privacy Policy