Donne e giovani: via agli incentivi per i datori di lavoro

L’articolo 24, comma 27 del DL n. 201/2011, convertito con modificazioni nella Legge n. 214/2011 (Manovra salva Italia) ha disposto l’istituzione presso il Ministero del Lavoro di un Fondo per il finanziamento di interventi a favore dell’incremento in termini quantitativi e qualitativi dell’occupazione giovanile e delle donne.

Tale fondo è finanziato per l’anno 2012 con 200 milioni di euro, con 300 milioni di euro annui per ciascuno degli anni 2013 e 2014 e con 240 milioni di euro per l’anno 2015.
I datori di lavoro che stabilizzano a partire dal 17 ottobre 2012 ed entro il 31 marzo 2013 rapporti di lavoro possono essere ammessi ad un incentivo pari ad € 12.000.

Incentivi di importo minore possono essere riconosciuti a chi instaura, entro il 31 marzo 2013, rapporti di lavoro a tempo determinato.

La fruizione degli incentivi è subordinata alla regolarità contributiva, al rispetto delle norme in materia di sicurezza sul lavoro e all’osservanza dei contratti collettivi, secondo quanto prevede l’art. 1, commi 1175 e 1176, della legge 27 dicembre 2006, n. 296; gli incentivi sono cumulabili con altri incentivi previsti dalla normativa vigente nel rispetto di aiuti di stato “de minimis”.

Per ogni trasformazione o stabilizzazione a tempo indeterminato di giovani e di donne (uomini fino ai 29 anni e 364 giorni e donne di qualsiasi età), impiegati con contratto di collaborazione coordinata e continuativa, anche nella modalità a progetto, o con associazione in partecipazione con apporto di lavoro avvenuta a partire dal 17 ottobre 2012 e fino al 31 marzo 2013 è corrisposto un incentivo pari ad € 12.000,00 fino ad un massimo di 10 contratti per ciascun datore di lavoro. Sono ammessi all’incentivo anche lavoratori con contratto di lavoro a tempo parziale purchè l’orario di lavoro sia pari od uguale alla durata dell’orario normale.

Gli incentivi per le assunzioni a tempo determinato sono vincolati dall’incremento della base occupazionale rispetto alla media dei dipendenti dei 12 mesi precedenti. Per ogni assunzione a tempo determinato, con orario di lavoro a tempo pieno e di durata minima di 12 mesi di giovani e donne, avvenuta a partire dal 17 ottobre 2012 e fino al 31 marzo 2013 è corrisposto un incentivo pari a:

  • € 3.000,00 – Contratto a termine con durata compresa tra i 12 ed i 18 mesi;
  • € 4.000,00 – Contratto a termine con durata tra i 18 e 24 mesi;
  • € 6.000,00 – Contratto a termine con durata superiore ai 24 mesi.

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI PER LAVORATORI DISOCCUPATI ED ISCRITTI NELLE LISTE DI MOBILITA’

Con il Messaggio n. 12957 del 3 agosto 2013, l’INPS ha fornito chiarimenti in relazione ai modelli telematici 223 e 407 (relativi rispettivamente alle assunzioni agevolate di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità e ai disoccupati o cassaintegrati da oltre 24 mesi).
Con riferimento alla fruizione degli incentivi alle assunzioni previsti per i lavoratori:

  • Iscritti nelle liste di mobilità;
  • Disoccupati da oltre 24 mesi.

L’Istituto ha sottolineato che i datori di lavoro dovranno servirsi dei modelli telematici 223 e 407 aggiornati sul sito internet dell’istituto. L’utilizzo della nuova modulistica è escluso per assunzioni/proroghe/trasformazioni effettuate prima del 18 luglio 2012.

Vedi tutte le news
Privacy Policy