Chiarimenti relativi alle compensazioni in presenza di ruoli non pagati

L’art.31 del Dl 78/2010 ha introdotto con il 01 gennaio 2011, il divieto di  compensare in F24   crediti di imposte erariali (Irpef,Iva,Ires) in presenza di imposte erariali iscritte a ruolo e non pagate per un ammontare complessivo superiore  di euro 1.500,00 (tale limite è da considerare per il totale degli importi a ruolo, anche se le singole cartelle non superano tale importo) per le quali sia scaduto il termine di pagamento (oltre i 60 giorni dalla notifica). La possibilità di compensazione è preclusa anche per le cartelle già notificate nel 2010 e, comunque , per tutte quelle il cui termine di pagamento sia già scaduto anteriormente al primo gennaio 2011.

Con la Circolare 4/E del 15.02.2011 l’Agenzia delle Entrate fornisce dei chiarimenti quali:

– per effetto dell’entrata in vigore del predetto Decreto 10.2.2011, al contribuente non è più consentito effettuare alcuna compensazione se non assolve, preventivamente, l’intero debito per il quale è scaduto il termine di pagamento. Di conseguenza, anche in presenza di un credito di consistente ammontare, lo stesso non può essere utilizzato in compensazione nel mod. F24 fino all’intervenuto pagamento delle somme iscritte a ruolo, se di importo superiore a € 1.500.

Soltanto dopo l’estinzione integrale dei debiti erariali iscritti a ruolo scaduti il contribuente è “libero” di utilizzare in compensazione i crediti erariali disponibili.

Pertanto, i contribuenti non possono più limitarsi a mantenere una “riserva” di crediti a copertura degli importi tributari iscritti a ruolo scaduti di importo superiore a € 1.500 ma devono necessariamente estinguere tali debiti prima di utilizzare nel mod. F24 i crediti d’imposta a disposizione.

– ai fini dell’estinzione dei debiti erariali iscritti a ruolo è consentito l’utilizzo in compensazione di crediti riferiti ad imposte erariali. Al fine di “liberare” i crediti disponibili per l’utilizzo degli stessi in compensazione, il pagamento delle imposte erariali iscritte a ruolo, secondo quanto previsto dal   Decreto 10.2.2011, può essere effettuato anche utilizzando in compensazione, usando esclusivamente il mod. F24 Accise, i crediti relativi ad imposte erariali. L’Agenzia delle Entrate, con risoluzione nr.18 del 21.02.2011, ha messo a disposizione il codice tributo RUOL per effettuare la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali.

Vedi tutte le news
Privacy Policy